Archive

Kielce – Veszprem 39-38 (dtr) Kielce: Szmal (Sego); Jurecki (3), J. Aginagalde (54, 1p), Jachlewski (2), Lijewski (5), Zorman (4), Cupic; Chrapkowski, Kus, Bielecki (7, 3p), Strlek (4, 1p), Reinchmann (9, 2p), Paczkowski. Veszprem: Mikler (Alilovic); Schuch, Palmarsson (6, 1p),

Atellana – Pallamano Benevento 27-12 (P.t. 13-10) Atellana – Abategionvanni D., Abbonante F., Carbone D., Ciccho C., Cimmino M., Del Prete L., Lettera M., Mancini R., Manzoni V., Reccia G., Russo A., Russo R., Sorvillo M.R., Torcia G. Allenatore: Gigi

Ciao Massimo!

Se n’è andato in punta di piedi lasciando un grande vuoto a chi ha avuto la fortuna di conoscerlo. Massimo Sposato per i giovani che praticano la pallamano nella nostra regione è un nome che forse dice poco ma dice

Helvetia Anaitasuna – Barcelona 30-33 Helvetia Anaitasuna: Lorger (Sergey Hdez.); Gastón (3), Bazán, Garza, Costoya (7), Chocarro (3), Silva (8); Del Valle (2), Etxeberría (1), Nadoveza (3), Goñi, Pérez de Inestrosa (1), Ugarte (1), Castro (1). Barcelona: Pérez de Vargas;

JOMI SALERNO – CASSANO MAGNAGO 22 – 26 ( p.t. 10 – 11 ) JOMI SALERNO: acheter sildenafil pfizer conditionnement Ferrari, Avram 8, Coppola 3, Jokanovic 2, Ceklic 6, Lamberti, Ferrentino, Iacovello, Pavlyk 3, Benincasa, Lauretti, Casale, Lambiase, Biraglia. All: Salvatore Cardaci

Sessanta minuti di speranza, di emozioni, di suspence per centrare quell’obbiettivo per oltre cinque anni consecutivi è stato sempre centrato, con successo finale, e che invece la scorsa stagione s’interruppe a favore del Conversano e del Cassano. La finalissima scudetto

Atellana 31 – PDO Salerno 26 Atellana – Balasco O., Del Prete D., Del Prete M., Del Prete V., Falco T., Gaudino M., Iovinella L., Perrotta E., Silvestre F., Abbonante G., Arena L., Balasco G., D’Angelo F.P., Russo G. Allenatore:

Terminato il campionato di massima serie in casa Revisione Lombardi Benevento è l’attività giovanile a tenere banco. La squadra Under 16 si è imposta sul Valentino Ferrara con il punteggio di 49-18, mentre la formazione Under 20 ha espugnato il

E’ un sabato agrodolce tendente all’amaro quello per il Barcellona che, incassata l’aritmetica dello scudetto, dice addio ai sogni europei ai quarti di Champions League da campione in carica, proprio come capitato alla squadra di calcio. Agli uomini di Xavi

Il Barcellona si è laureato campione di Spagna con ben quattro giornate d’anticipo, addirittura senza nemmeno giocare. Un risultato straordinario, basti pensare che i catalani non perdono in Liga dal 18 maggio 2013 (31-33 contro il Naturhouse la Rioja); da